Risotto alle bietole

Sono felicissima di presentarvi il risotto alle bietole, ed il mio entusiasmo è dovuto al fatto che Gu lo ha adorato (ancora stento a crederci). Dovete sapere che il suo piatto preferito è la pasta col pesto di spinaci, ma a me gli spinaci fanno male e volevo provare a fargli assaggiare un risotto che non fosse “in bianco”. Così gli ho detto che le bietole sono sorelle degli spinaci (piccola bugia innocente) e le ho usate per condire il risotto. Successo incredibile, ha addirittura chiesto un pezzo di pane per fare scarpetta alla fine. Ho quasi pianto per la commozione.

Per fare in modo che non mi lanciasse il piatto ho frullato le bietole, ma se i vostri commensali non sono schizzinosi come mio figlio potrete semplicemente tagliarle grossolanamente. Per aggiungere cremosità ho utilizzato la robiola, ma andrà benissimo qualsiasi formaggio morbido, se proprio volete esagerare potete usare le panna. Potete anche aggiungere della salsiccia o dello speck, io ho preferito mantenere questo piatto vegetariano, ma la carne ci starà sicuramente benissimo. Insomma provate il risotto alle bietole, fatelo assaggiare ai piccoli umani e fatemi sapere come va a finire, perchè se è piaciuto a Gu piacerà sicuramente a tutti.

Risotto alle bietole
Ingredienti per 4 persone:
  • 320 gr di riso
  • 50 gr di robiola
  • 3 cubetti di bietole surgelate
  • 1/2 cipolla
  • brodo vegetale
  • vino bianco
  • parmigiano grattugiato
  • sale
Preparazione

Cucinate le bietole in un pentolino con poco olio, quando saranno cotte frullatele col frullatore ad immersione.

Tritate finemente la cipolla e fatela soffriggere in una padella con un filo d’olio, poi aggiungete il riso e lasciatelo tostare per un paio di minuti. Sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e fate evaporare. Aggiungete le bietole frullate e coprite con brodo bollente.

Portate a cottura mescolando spesso ed unendo brodo quando necessario. Quando mancano un paio di minuti aggiungete la robiola, fatela sciogliere bene e regolate di sale. Spegnete il fuoco, unite 2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato, mescolate e servite ben caldo.

Buon successo assicurato!

Risotto alle bietole

Crema di lattuga e patate

Ci siamo ragazzi, è ufficialmente giunto il momento di rimettersi in forma. Non sono mai stata un’agguerrita sostenitrice della dieta sana e bilanciata, conoscete tutti la mia passione per il burro, ma quando è troppo è troppo. Mi si è formato un sofficiosissimo salvaganete naturale, 100% biologico, perfetto per restare a galla in estate, ma decisamente poco adatto all’immagine riflessa nello specchio. Per cui eccomi qua, alla disperata ricerca di ricette sane e leggere ma che abbiano gusto e sapore, che mi facciano addirittura venire voglia di fare il bis. La crema di lattuga e patate rientra a sopresa in questa categoria. Mi sono sempre piaciute le creme di verdure, ma non pensavo che quella a base di insalata sarebbe stata un granchè, per fortuna mi sbagliavo. La prepararazione è veramente semplicissima, se volete dare ancora più sapore potete aggiungere un po’ di parmigiano grattugiato, ma io ho preferito mantenere questo piatto totalmente vegano. Devo dire che non ho sentito la mancanza del formaggio, mi sono limitata ad aggiungere qualche crostino di pane. In questa versione ho utilizzato il latte di riso, ma vi assicuro che il risultato è da leccarsi i baffi anche senza.

Crema di lattuga e patate
Ingredienti per 4 persone:
  • 1 cespo di lattuga
  • 300 gr di patate
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 30 ml di latte di riso
  • 1/2 litro di brodo vegetale
  • erba cipollina
  • olio evo
  • sale
Preparazione

Lavate l’insalata, pulitela e tagliatela a pezzetti. Pelate le patate e tagliatele a cubetti.

Fate soffriggere la cipolla pulita e tritata in una padella con 3 cucchiai di olio e l’aglio spellato. Quando sarà dorata eliminate l’aglio ed aggiungete le patate, lasciandole insaporire per un paio di minuti. Unite poi la lattuga, salate, e coprite col brodo caldo.

Cucinate a fuoco moderato col coperchio per 20-30 minuti. A cottura ultimata aggiungete il latte, poi riducete in crema usando il frullatore ad immersione. Servite con una spolverata di erba cipolinna tritata e qualche crostino di pane.

Buona crema di lattuga e patate!

Crema di lattuga e patate
Read more

Cavolfiori gratinati al curry

Ognuno di noi ha degli ingredienti che proprio non apprezza, che non riesce a mandare giù, che preferibbe restare a digiuno piuttosto che essere costretto a mangiarli. Ecco, per me i cavolfiori fanno parte di questa categoria. E perchè ho deciso di cucinarli? Perchè fanno bene, e ci deve essere un modo che me li faccia apprezzare. In realtà uno c’è, ma parliamo di crocchette di cavolfiore fritte, quindi non vale, fritta è buona anche una ciabatta (citazione con autore ignoto). Per cui mi sono cimentata nella preparazione dei cavolfiori gratinati al curry, che quando ho letto il titolo del piatto mi facevano quasi voglia, probabilmente perchè ho pensato che il curry avrebbe coperto il sapore dell’odiato vegetale. Ma niente, mi sbagliavo, non c’è curry che tenga. Una disfatta totale, anche perchè oggetto del test era anche la mia persona preferita, con la quale condivido l’astio verso il cavolfiore. Nada. Lui è riuscito a mangiarne un paio di pezzi solo dopo averli cosparsi con una dose di tabasco capace di rendere insensibile la lingua di qualsiasi divoratore di peperoncino. A questo punto vi starete chiedendo cosa mi abbia spinto a pubblicare la ricetta dei cavolfiori gratinati al curry.

Suspence.

Rullo di tamburi.

Nasce così la nuova rubrica “Ricette sincere”, corredata dall’omonimo hashtag se usate Instagram, che racchiuderà tutti i piatti che contengono ingredienti da me sempre odiati, nel tentativo di farmi cambiare idea in merito. Ovviamente le ricette che faranno parte di questa rubrica avranno in comune il fatto che il tentativo di riabilitazione dell’alimento sarà irrimediabilmenmte fallito. Attenzione, non parliamo di errori di cottura o di dosi, ma proprio del fatto che quell’alimento per me resti immangiabile, ma per mio soggettivissimo gusto. Ritengo infatti che i cavolfiori gratinati al curry piacerebbero moltissimo agli amanti di questa verdura, ma per scoprirlo ho bisogno di voi, per cui se proverete i piatti della categoria #ricettesincere fatemi sapere cosa ne pensate.

Cavolfiori gratinati al curry
Ingredienti per 4 persone:
  • 1 cavolfiore
  • 4 cucchiai di succo di limone
  • 3 cucchiai di pangrattato
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 1/2 bicchiere di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di curry
Preparazione

Aiutandovi col frullatore ad immersione create un’emulsione con l’olio, il succo di limone, lo zucchero di canna, il sale ed il curry. Versatela sul cavolfiore pulito e tagliato in cimette e lasciate marinare per 20 minuti.

Scolate, mettetelo in una pirofila e copritelo col pangrattato ed il parmigiano grattugiato, quindi infornate a 170 gradi per 30/40 minuti, terminando la cottura col grill per formare una bella crosticina. Servite caldo.

Buon cavolfiore!

Cavolfiori gratinati al curry
Read more

Alberelli con crema di spinaci e caprino

Quest’anno ho la fissa degli alberelli. Sto cercando di dare a tutte le portate la forma di piccoli arbusti natalizi, è una nuova piccola ossessione che l’anno prossimo lascerà lo spazio ad un’ennesima nuova ossessione. E si sa che tra gli antipasti della tavola delle feste ci sono sempre le tartine, che in questo caso sono a più piani ed indovinate un po’ che forma hanno? Tanti alberelli con crema di spinaci e caprino, se ne fate molti potete creare una piccola foresta commestibile. Per il ripieno ho scelto gli spinaci per richiamare il verde, ma potete veramente scegliere quello che preferite per farcirli. Questi sono vegetariani, ma se volete farli per esempio di pesce per la cena della vigilia li potete riempire di mousse di salmone e decorare con uova di lompo rosse, per fare l’effetto delle palline sull’albero di Natale. Mi rendo conto di essere un tantino fissata con questa cosa.

Per concludere: la preparazione è semplicissima e molto veloce, il ripieno è personalizzabile al 100% ed il risultato è perfetto per la tavola del pranzo di Natale o della vigilia. Quindi vediamo come si preparano gli alberelli con crema di spinaci e caprino.

Alberelli con crema di spinaci e caprino
Ingredienti per 3 alberelli:
  • 5 fette di pane per tramezzini
  • 60 gr di spinaci già lessati
  • 60 gr di caprino
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • olio evo
  • sale
  • pepe
Preparazione

Prendete 3 tagliapasta con diametri diversi, i miei avevano diametro 8 cm, 6 cm e 3 cm, quindi ottenete dalle fette di pane per tramezzini 3 dischi di ciascuna di dimensione. Spennellate un lato di ogni disco con un po’ di olio e fate tostare in forno statico preriscaldato a 190 gradi per 8 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.

Frullate gli spinaci col caprino, il parmigiano, sale e pepe e trasferite la crema in una sac à poche. Distribuite un po’ la crema sui dischi di pane sovrapponendoli tra loro, dal più grande al più piccolo. Servite a temperatura ambiente.

Buoni alberelli!

Alberelli con crema di spinaci e caprino
Read more

Salatini alla paprika e formaggio

Su una tavola imbandita a festa i salatini non possono mancare, ma è giunta l’ora di smettere di utilizzare quelli confezionati per buttarsi su quelli fatti in casa. Alla fine ci vuole un attimo e sono immensamente più buoni. In questo caso ho preparato dei salatini alla paprika e formaggio super saporiti. Ecco diciamo che come al mio solito potrei aver usato una ragguardevole dose di burro, ma non c’è niente da fare, tutto è più buono col burro. In compenso si tratta di un piatto che rientra senza ombra di dubbio netta categoria “low cost“: pochissimi ingredienti alla portata di tutti. Alla fin fine questi salatini alla paprika e formaggio hanno tutto: sono semplici, economici e super gustosi. Se volete potete prepararli il giorno prima e conservali in una scatola di latta, come se fossero dei biscotti.

Piccola postilla: con queste dosi mi sono venuti circa 25/30 salatini a forma di stella, ma ovviamente dipende tutto dalla dimensione degli stampini che deciderete di usare. Per quanto riguarda la paprika dovete decidere voi quanta metterne in base all’intensità che volete dare. Io direi di averne messa un cucchiaio. Ovviamente potete sostituirla con la spezia che più preferite, per esempio il curry.

Salatini alla paprika e formaggio
Ingredienti:
  • 120 gr di farina 00
  • 100 gr di burro freddo
  • 50 gr di emmentaler grattugiato
  • paprika qb
  • sale
  • pepe
Preparazione

Tagliate il burro a pezzetti ed impastatelo velocemente con l’emmentaler, la farina, la paprika, sale e pepe. Usate la punta delle dita, dovrete ottenere un composto abbastanza sbriciolato. Create una palla ma cercate di lavorarlo il meno possibile, deve restare rustico.

Mettete l’impasto tra due foglie di carta da forno e stendetelo con un mattarello. Dovrà avere uno spessore di circa mezzo centimetro. Non fatelo troppo sottile altrimenti in cottura si scioglierà e non manterrà la forma.

Con lo stampino che avete scelto ricavate i vostri salatini e cucinateli in forno statico preriscaldato a 180 gradi per 15-20 minuti. Sfornate, lasciate raffreddare e servite. Attenzione: se non aspettate che si siano raffreddati si sbricioleranno.

Buone stelle saporite!

Salatini alla paprika e formaggio
Read more

Aspettando Halloween: ragnetti di sfoglia

Con l’avvicinarsi di Halloween sto scoprendo la mia predilezione per le ricette sceme per grandi e piccini. Creare animaletti e mostriciattoli si ta rivelando molto divertente, discorso che non vale per le zampe di questi ragnetti che mi si appiccicavano addosso invece di posizionarsi correttamente, ma alla fine ce l’ho fatta (più o meno) e ne è valsa la pena. Come risultato ci sono dei ragni ripieni di zucca e patate davvero carini e coccolosi, da servire come antipasto alla cena di Halloween o in un buffet se siete così folli (nonchè perseguibili legalmente) da organizzare una festa per bambini.

Il ripieno ovviamente può essere modificato, anche una cosa semplicissima come prosciutto e formaggio andrà bene, tanto sarà tutto nascosto nella pancia del ragno. Penso anche che si possano realizzare nella versione dolce, magari ripieni di cioccolato o crema; in questo caso per gli occhi potete utilizzare due gocce ci cioccolato fondente.

Ragnetti di sfoglia
Ingredienti per 6 ragni:
  • 50 gr di zucca
  • 50 gr di patate
  • 25 gr di formaggio spalmabile
  • mezza cipolla piccola
  • 1 uovo + 1 tuorlo sbattuto per spennellare
  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • parmigiano grattugiato
  • un paio di olive nere
  • rosmarino
  • sale
  • pepe
  • olio evo
Preparazione

Tritate finimente la cipolla e fatela soffriggere in una padella con un filo d’olio. Aggiungete poi la zucca e le patate pulite e tagliate a cubetti della stessa dimensione, quindi fate rosolare per un paio di minuti. Aggiungete un rametto di rosmarino e salate. Abbassate il fuoco, mettete il coperchio e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 20 minuti, finchè le verdure saranno morbide. Mettete in una ciotola e lasciate intiepidire.

Stendete la sfoglia e ricavate 12 cerchi dello stesso diametro delle vostre cocotte; bucherellateli con una forchetta.

Nella ciotola con la zucca e le patate aggiungete il formaggio spalmabile, un uovo, un cucchiaio di parmigiano grattugiato, sale, pepe ed amalgamate bene. Versate un po’ di composto su 6 dischi di sfoglia e richiudeteli con gli altri sei pressando bene sui bordi; disponeteli nelle cocotte. Con la sfoglia avanzata create le zampe e posizionatele sui vostri ragni (buon divertimento). Spennelateli con tuorlo sbattuto e cucinate in forno statico preriscaldato a 190 gradi per 20/25 minuti. Sfornate, lasciate intiepidire, aggiungete gli occhi con le olive tagliate a rondelle e servite.

Buoni ragnetti coccolosi!

Ragnetti di sfoglia
Read more

Salsa di yogurt e peperoni

Per la rubrica “occupiamoci un po’ delle salse di accompagnamento” ecco a voi una soluzione veloce veloce per donare un po’ di freschezza ai vostri piatti. Potete utilizzare questa salsa allo yogurt e peperoni per dare un’alternativa saporita al classico pinzimonio; per quanto mi riguarda l’ho usata per condire l’insalata ed il risultato mi ha soddisfatto molto. Penso che starebbe bene anche in abbinamento a dei gamberi freddi, ma non ho ancora provato questa accoppiata. La preparazione comunque è veramente semplicissima quindi mettetevi all’opera.

Salsa di yogurt e peperoni

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 peperone rosso
  • 250 gr di yogurt al naturale
  • 2 cipollotti
  • sale
  • pepe

Preparazione

Lavate il peperone, privatelo del torsolo e dei semi, tagliatelo in quarti e disponeteli su una placca rivestita di carta da forno. Cucinate in forno statico preriscaldato a 220 per circa mezz’ora, quindi sfornate e stando attenti a non bruciarvi chiudete i pezzi di peperone all’interno di un sacchetto per alimenti. Lasciate intiepidire per 15 minuti, quindi tirateli fuori e privateli della pelle.

Spappolate grossolanamente la polpa del peperone ed unitevi i cipollotti puliti e tritati finemente.

Aggiungete anche lo yogurt, salate, pepate ed amalgamate bene.

Servite ben fredda.

Buona salsina!

Salsa di yogurt e peperoni
Read more

Cetrioli con menta e yogurt

Se avete amici a cena e volete preparare un antipasto fresco e leggero questi cetrioli alla menta e yogurt fanno al caso vostro. Non richiedono cottura, potete presentarli in dei pratici bicchieri monoporzione e si preparano veramente in 5 minuti. Se invece li servite in dosi più abbondanti possono essere un’ottima soluzione per un pranzo veloce e leggero per combattere il caldo incessante. L’ultimo vantaggio è che stiamo parlando di un piatto vegetariano ma super saporito, per cui se tra i commensali c’è qualcuno che non mangia carne potete offrire qualcosa di diverso dalla solita insalata. Ah, ovviamente tra gli ingredienti c’è il lime, forse per fine agosto smetterò di piazzarlo ovunque.

Cetrioli con menta e yogurt

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 cetrioli
  • 400 gr di yogurt greco
  • 1 lime
  • menta fresca
  • olio evo
  • sale
  • pepe

Preparazione

Pelate i cetrioli, eliminate i semi e tagliateli a dadini. Conditeli con 40 gr di olio extravergine, sale e pepe.

Mescolate in una ciotola lo yogurt con 2 cucchiai di succo di lime, qualche foglia di menta sminuzzata, olio, sale e pepe.

Mettete nei bicchieri i cetrioli, la crema di yogurt e decorate con qualche fogliolina di menta e qualche fettina sottile di lime.

Servite freddo.

Buon aperitivo!

Cetrioli con menta e yogurt
Read more

Fusilli al pesto di melanzane

Sarò sincera: a me le melanzane generalmente non piacciono (tranne fritte, fritte sono buone anche le suole). Ero molto incuriosita però dall’idea del pesto di melanzane, così ho provato e devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa. Il gusto è veramente ottimo e le mandorle danno una croccantezza piacevolissima. Potete prepararne in quantità e surgelare quello che avanza oppure potete conservarlo in frigorifero coperto con olio per 3 giorni.

Perdonate il fatto di aver messo solo una foto, c’era pochissima luce, erano tutte mosse e a fare le fotografie sono sempre stata una pippa.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di fusilli
  • 600 di melanzane
  • 40 gr di mandorle
  • 20 gr di parmigiano grattugiato
  • 50 ml di olio evo
  • basilico
  • sale
  • pepe

Preparazione

Tagliate a metà le melanzane, incidete in diagonale la polpa col coltello formando dei rombi, quindi cucinatele in forno preriscaldato ventilato a 220 gradi per 45 minuti.

Sfornate e lasciatele intiepidire, quindi frullatele nel mixer con le mandorle, il parmigiano, l’olio, il basilico ed un pizzico di sale.

Lessate i fusilli in abbondante acqua bollente salata, scolateli, versateli in una pirofila, conditeli col pesto e servite.

Buone melanzane!

Read more

Pasta fredda alle olive

Le temperature salgono quindi rieccomi con la mia proposta di piatti freddi perfetti per combattere l’afa in arrivo. Questa pasta vegetariana è la soluzione ideale per un pranzo in spiaggia o per chi vuole preparare grandi quantità di cibo da riproporre per accendere i fornelli il meno possibile.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di farfalle
  • 180 gr di paté di olive nere
  • 130 gr di olive verdi
  • 10 pomodorini pachino
  • 200 gr di mozzarella
  • olio
  • sale

Preparazione

Versate in una ciotola il paté di olive nere, le olive verdi tagliate a rondelle ed i pomodori tagliati a spicchi.

Cucinate la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolatela, fatela passare sotto l’acqua fredda per bloccare la cottura, quindi versatela nella ciotola coi condimenti. Mescolate bene e riponete in frigorifero.

Al momento di servire aggiungete in ogni piatto la mozzarella tagliata a dadini ed un filo d’olio.

Buona freschezza!

Read more