Tronchetto di Natale

Nonostante tutto, anche quest’anno è arrivato Natale. Ed anche se per la prima volta la mia tavolata è composta solo da due persone, ci sono delle tradizioni che non intendo abbandonare, come il tronchetto di Natale. La preparazione è lunga, ci vuole pazienza ed un po’ di impegno, ma risultato è il dolce per eccellenza delle festività. Lo potete preparare in mille versioni diverse, e siccome quest’anno c’è un bisogno di gioia superiore rispetto agli anni passati, ho scelto la variante al cioccolato, con cioccolato e nel dubbio aggiungi cioccolato. Per essere sicura di ottenere un dolce capace di portare buon umore ci ho messo anche un po’ di Cognac, che non guasta mai. Insomma, questo tronchetto di Natale è pensato per portare un sorriso a tutti, per pensare un po’ meno alle cose brutte che stanno accadendo e concentrarsi su quelle positive. Come il poter mangiare solo dolci dalla mattina alla sera, in pigiama, ovviamente sul divano. Tanto chi ci vede?

Tronchetto di Natale
Ingredienti per la pasta biscotto:
  • 4 uova
  • 80 gr di zucchero
  • 35 gr di farina 00
  • 25 gr di cacao amaro in polvere
  • 10 gr di miele
  • 1 cucchiaio d’acqua
Ingredienti per la bagna:
  • il succo di 1 arancia
  • 1 cucchiaio di cognac
  • 1 cucchiaino di zucchero
Ingredienti per il ripieno:
  • 250 ml di latte
  • 70 gr di zucchero
  • 15 gr di maizena
  • 15 gr di fecola di patate
  • 2 tuorli
  • 80 gr di cioccolato fondente
  • 100 ml di panna fresca da montare
  • la scorza grattugiata di 1 limone
Ingredienti per la copertura:
  • 100 gr di cioccolato fondente
  • 100 ml di panna fresca da montare
  • 1 cucchiaio di cognac
Preparazione

Comiciate con la pasta biscotto. Separate i tuorli dagli albumi. Con le fruste elettriche montate i tuorli con l’acqua, il miele e 30 gr di zucchero; dovrete ottenere un composto chiaro e spumoso. In un’altra ciotola montate a neve gli albumi con lo zucchero restante. Amalgamate delicatamente i due composti, mescolando dal basso verso l’alto, poi aggiungete la farina setacciata col cacao e continuate a mescolare piano. Rivestite una leccarda di carta da forno, quindi versatevi l’impasto livellandolo e cercando di ottenere un rettangolo con spessore di 1 cm. Cucinate in forno statico preriscaldato a 220 gradi per 6/7 minuti, quindi sfornate, coprite con un canovaccio e lasciate raffreddare.

Passate ora al ripieno. Sciogliete a bagno maria il cioccolato fondente. Sbattete i tuorli con lo zucchero, unite la maizena e la fecola, poi aggiungete lentamente il latte, infine la scorza di limone. Mettete sul fuoco con la fiamma bassa e non smettete mai di mescolare, quando la crema si starà addensando unite il cioccolato fondente, spegnete il fuoco, coprite con la pellicola e lasciate raffreddare. Montate la panna ed amalgamatela delicatamente alla crema al cioccolato (dovrà essersi raffreddata bene, altrimenti la panna si smonterà).

Preparate la bagna mescolando il succo d’arancia col cognac e lo zucchero.

Per la copertura spezzettate il cioccolato fondente e mettetelo in una ciotola, quindi versatevi sopra la panna quasi bollente insieme al cognac. Mescolate energicamente finchè il cioccolato sarà completamente sciolto.

Finalmente è giunto il momento di assemblare il nostro tronchetto di Natale. Rifinite i bordi della pasta biscotto con un coltello, staccatela delicatamente dalla carta da forno e bagnatela con la bagna all’arancia. Farcite quindi con la crema ed arrotolatelo delicatamente su se stesso. Tagliatene un pezzo e disponetelo di lato per creare il ramo, quindi versatevi sopra la ganache. Mettete in frigo per almeno un’ora, poi tiratelo fuori e create le venature del legno usando i rebbi di una forchetta. Il dolce è pronto per essere divorato.

Buon Natale a tutti!

Tronchetto di Natale
Tronchetto di Natale
Read more

Risotto radicchio e salsiccia

Signori e signore ormai ci siamo, domani sarà Natale e per me è già passato. Chi mi conosce sa che io inizio a sentire l’atmosfera natalizia verso ferragosto, passo i mesi successivi cercando di mantene un contegno fino al 31 ottobre. Mi limito a buttare lì qualche decorazione, ma con discrezione e senza dare troppo nell’occhio. Dall’1 novembre di solito esplodo e la casa si trasforma nel piccolo regno degli elfi di Babbo Natale: lucine ed alberelli ovunque Capite quindi che quando arriva il 24 dicembre per me ormai è tutto finito, inizio già a provare quella tristezza e quel senso di vuoto che se ne andrà solo al prossimo ferragosto. Dal 26 ogni giorno è quello buono per mettere via l’albero, aspetto il 7 gennaio solo per Gu, perchè anche la Befana poveretta ha la sua dignità, ma non è la stessa cosa. Nel mio calendario mentale ormai è carnevale, la Pasqua è dietro l’angolo ed in un attimo ci ritroveremo in maniche corte. Nulla ha più senso fino a ferragosto. Per voi fingerò di essere ancora piena di entusiasmo e quindi parliamo di quello che ci mangeremo domani. Sempre nell’ottica di preparare qualcosa di semplice ma ricco di sapore vi presento il risotto radicchio e salsiccia. Semplicemente delizioso, soprattutto se lo accompagnate ad un buon vino rosso. La preparazione è semplice, dovrete solo avere la pazienza di mescolare ogni tanto e di aggiungere brodo se necessario, ma stiamo parlando di un gran piatto alla portata di tutti. Una ricetta decisamente invernale, perfetta per scaldarci un po’ in questo strano Natale.

Risotto radicchio e salsiccia
Ingredienti per 4 persone:
  • 320 gr di riso Carnaroli
  • 300 gr di radicchio tardivo
  • 200 gr di salsiccia
  • 1/2 cipolla
  • 1 l di brodo di carne
  • 1 noce di burro
  • parmigiano grattugiato
  • olio evo
  • sale
  • pepe
Preparazione

Pulite e tritate finemente la cipolla, quindi fatela rosolare in padella con 3 cucchiai d’olio. Aggiungete la salsiccia privata del budello e rompetela bene col mestolo. Unite anche il radicchio pulito e tagliato a listarelle e fate insaporire per un paio di minuti.

Aggiungete il riso e fatelo tostare, poi coprite con brodo caldo, abbassate un po’ il fuoco e lasciate cuocere mescolando di tanto in tanto ed aggiungendo brodo se si dovesse asciugare troppo. A cottura ultimata spegnete il fuoco, mantecate con la noce di burro e qualche cucchiaio di parmigiano, regolate di sale e di pepe e lasciate riposare un minuto prima di servire.

Buon risotto radicchio e salsiccia!

Risotto radicchio e salsiccia
Read more