Risotto alle bietole

Sono felicissima di presentarvi il risotto alle bietole, ed il mio entusiasmo è dovuto al fatto che Gu lo ha adorato (ancora stento a crederci). Dovete sapere che il suo piatto preferito è la pasta col pesto di spinaci, ma a me gli spinaci fanno male e volevo provare a fargli assaggiare un risotto che non fosse “in bianco”. Così gli ho detto che le bietole sono sorelle degli spinaci (piccola bugia innocente) e le ho usate per condire il risotto. Successo incredibile, ha addirittura chiesto un pezzo di pane per fare scarpetta alla fine. Ho quasi pianto per la commozione.

Per fare in modo che non mi lanciasse il piatto ho frullato le bietole, ma se i vostri commensali non sono schizzinosi come mio figlio potrete semplicemente tagliarle grossolanamente. Per aggiungere cremosità ho utilizzato la robiola, ma andrà benissimo qualsiasi formaggio morbido, se proprio volete esagerare potete usare le panna. Potete anche aggiungere della salsiccia o dello speck, io ho preferito mantenere questo piatto vegetariano, ma la carne ci starà sicuramente benissimo. Insomma provate il risotto alle bietole, fatelo assaggiare ai piccoli umani e fatemi sapere come va a finire, perchè se è piaciuto a Gu piacerà sicuramente a tutti.

Risotto alle bietole
Ingredienti per 4 persone:
  • 320 gr di riso
  • 50 gr di robiola
  • 3 cubetti di bietole surgelate
  • 1/2 cipolla
  • brodo vegetale
  • vino bianco
  • parmigiano grattugiato
  • sale
Preparazione

Cucinate le bietole in un pentolino con poco olio, quando saranno cotte frullatele col frullatore ad immersione.

Tritate finemente la cipolla e fatela soffriggere in una padella con un filo d’olio, poi aggiungete il riso e lasciatelo tostare per un paio di minuti. Sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e fate evaporare. Aggiungete le bietole frullate e coprite con brodo bollente.

Portate a cottura mescolando spesso ed unendo brodo quando necessario. Quando mancano un paio di minuti aggiungete la robiola, fatela sciogliere bene e regolate di sale. Spegnete il fuoco, unite 2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato, mescolate e servite ben caldo.

Buon successo assicurato!

Risotto alle bietole

Gnocchi di patate e merluzzo

Per la categoria “ricette sincere” vi presento gli gnocchi di patate e merluzzo (se non sapete di cosa io stia parlando trovate la spiegazione qui). A differenza dell’altra volta però, la persona che non ha gradito per la millesima volta il merluzzo non è un adulto, ma il piccolo Gu. Apprezza questo pesce solo in versione “Bastoncino del famoso Capitano”, ma io non mi arrendo facilmente ed ho provato a proporglielo in questa versione in cui era del tutto invisibile. Niente, esperimento fallito. Conati di vomito e lacrime. Ad essere sinceri però devo dire che gli gnocchi di patate e merluzzo sono stati decisamente apprezzati dagli adulti, per cui mi sento di consigliarveli perchè sono un modo diverso e gustoso per preparare il pesce. Ah ed è una ricetta super sana: niente grassi e pochissimi ingredienti. Penso anche che piaceranno a qualsiasi bambino che non sia il mio, perchè in pratica sembra di mangiare dei normalissimi gnocchi al sugo. Un altro vantaggio è che potete congelare (da crudi) quelli che non pensate di consumare, in modo da avere sempre un pasto pronto. Insomma, secondo me sono un piatto vincente, a meno che non abbiate un piccolo Gu tra gli ospiti, in quel caso preparatevi ad una catastrofe.

Gnocchi di patate e merluzzo
Ingredienti per 2 persone:
  • 290 gr di patate già lessate
  • 220 gr di cuore di merluzzo fresco
  • pangrattato
  • brodo vegetale
  • salsa di pomodoro
  • sale
Preparazione

Cucinate a vapore il merluzzo oppure lessatelo per 10 minuti in acqua bollente. Poi fatelo raffreddare e frullatelo col mixer.

Schiacciate bene le patate con una forchetta, unitevi il merluzzo, salate e mescolate bene, se vi sembra troppo morbido aggiungete un po’ di pangrattato. Formate tante palline con le mani, passetele nel pangrattato, poi tuffatele nel brodo vegetale bollente. Fatele cuocere 1 minuto, poi scolatele con una schiumarola, mettetele nei piatti e condite con sugo di pomodoro caldo. Servite subito.

Buoni gnocchi originali!

Gnocchi di patate e merluzzo
Read more

Crema di lattuga e patate

Ci siamo ragazzi, è ufficialmente giunto il momento di rimettersi in forma. Non sono mai stata un’agguerrita sostenitrice della dieta sana e bilanciata, conoscete tutti la mia passione per il burro, ma quando è troppo è troppo. Mi si è formato un sofficiosissimo salvaganete naturale, 100% biologico, perfetto per restare a galla in estate, ma decisamente poco adatto all’immagine riflessa nello specchio. Per cui eccomi qua, alla disperata ricerca di ricette sane e leggere ma che abbiano gusto e sapore, che mi facciano addirittura venire voglia di fare il bis. La crema di lattuga e patate rientra a sopresa in questa categoria. Mi sono sempre piaciute le creme di verdure, ma non pensavo che quella a base di insalata sarebbe stata un granchè, per fortuna mi sbagliavo. La prepararazione è veramente semplicissima, se volete dare ancora più sapore potete aggiungere un po’ di parmigiano grattugiato, ma io ho preferito mantenere questo piatto totalmente vegano. Devo dire che non ho sentito la mancanza del formaggio, mi sono limitata ad aggiungere qualche crostino di pane. In questa versione ho utilizzato il latte di riso, ma vi assicuro che il risultato è da leccarsi i baffi anche senza.

Crema di lattuga e patate
Ingredienti per 4 persone:
  • 1 cespo di lattuga
  • 300 gr di patate
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 30 ml di latte di riso
  • 1/2 litro di brodo vegetale
  • erba cipollina
  • olio evo
  • sale
Preparazione

Lavate l’insalata, pulitela e tagliatela a pezzetti. Pelate le patate e tagliatele a cubetti.

Fate soffriggere la cipolla pulita e tritata in una padella con 3 cucchiai di olio e l’aglio spellato. Quando sarà dorata eliminate l’aglio ed aggiungete le patate, lasciandole insaporire per un paio di minuti. Unite poi la lattuga, salate, e coprite col brodo caldo.

Cucinate a fuoco moderato col coperchio per 20-30 minuti. A cottura ultimata aggiungete il latte, poi riducete in crema usando il frullatore ad immersione. Servite con una spolverata di erba cipolinna tritata e qualche crostino di pane.

Buona crema di lattuga e patate!

Crema di lattuga e patate
Read more

Crema di piselli e menta

Non so se voi abbiate avuto il coraggio di salire sulla bilancia ultimamente, io l’ho fatto e penso che se ne siano accorti anche in Australia, perchè ho emesso un urlo così acuto che sicuramente è arrivato anche lì. Ritengo quindi che sia giunto il momento di depurarsi un momento, almeno fino al cenone dell’ultimo dell’anno. Sto anche maturando l’idea di andare a correre, nonostante questo vada contro la mia più grande religione: la sedentarietà. Prima di provare il brivido dell’esercizio fisico ho pensato di concentrarmi sull’ alimentazione e la crema di piselli è menta è quello che ci vuole: un piatto vegano ma ricco di sapore, facilissimo da preparare. Se volete potete aggiungere qualche crostino di pane o una bella spolverata di parmigiano grattugiato, io ho evitato perchè qua la sistuazione mi sta sfuggendo di mano e preferisco restare super leggera.

Crema di piselli e menta
Ingredienti per 2 persone:
  • 400 gr di pisellini surgelati
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla
  • 800 ml di brodo di verdure
  • menta
  • olio evo
  • sale
Preparazione

Tritate finemente la carota, il sedano e la cipolla, quindi mettetele a rosolare in una padella con 2/3 cucchiai d’olio e lo spicchio d’aglio spellato. Dopo un paio di minuti eliminate l’aglio, aggiungete i piselli e fate insaporire per 3/4 minuti, poi salate e coprite col brodo bollente. Lasciate sobbollire per 20 minuti, quindi riducete in crema col frullatore ad immersione. Servite subito.

Buona crema di piselli e menta!

Crema di piselli e menta
Read more

Risotto radicchio e salsiccia

Signori e signore ormai ci siamo, domani sarà Natale e per me è già passato. Chi mi conosce sa che io inizio a sentire l’atmosfera natalizia verso ferragosto, passo i mesi successivi cercando di mantene un contegno fino al 31 ottobre. Mi limito a buttare lì qualche decorazione, ma con discrezione e senza dare troppo nell’occhio. Dall’1 novembre di solito esplodo e la casa si trasforma nel piccolo regno degli elfi di Babbo Natale: lucine ed alberelli ovunque Capite quindi che quando arriva il 24 dicembre per me ormai è tutto finito, inizio già a provare quella tristezza e quel senso di vuoto che se ne andrà solo al prossimo ferragosto. Dal 26 ogni giorno è quello buono per mettere via l’albero, aspetto il 7 gennaio solo per Gu, perchè anche la Befana poveretta ha la sua dignità, ma non è la stessa cosa. Nel mio calendario mentale ormai è carnevale, la Pasqua è dietro l’angolo ed in un attimo ci ritroveremo in maniche corte. Nulla ha più senso fino a ferragosto. Per voi fingerò di essere ancora piena di entusiasmo e quindi parliamo di quello che ci mangeremo domani. Sempre nell’ottica di preparare qualcosa di semplice ma ricco di sapore vi presento il risotto radicchio e salsiccia. Semplicemente delizioso, soprattutto se lo accompagnate ad un buon vino rosso. La preparazione è semplice, dovrete solo avere la pazienza di mescolare ogni tanto e di aggiungere brodo se necessario, ma stiamo parlando di un gran piatto alla portata di tutti. Una ricetta decisamente invernale, perfetta per scaldarci un po’ in questo strano Natale.

Risotto radicchio e salsiccia
Ingredienti per 4 persone:
  • 320 gr di riso Carnaroli
  • 300 gr di radicchio tardivo
  • 200 gr di salsiccia
  • 1/2 cipolla
  • 1 l di brodo di carne
  • 1 noce di burro
  • parmigiano grattugiato
  • olio evo
  • sale
  • pepe
Preparazione

Pulite e tritate finemente la cipolla, quindi fatela rosolare in padella con 3 cucchiai d’olio. Aggiungete la salsiccia privata del budello e rompetela bene col mestolo. Unite anche il radicchio pulito e tagliato a listarelle e fate insaporire per un paio di minuti.

Aggiungete il riso e fatelo tostare, poi coprite con brodo caldo, abbassate un po’ il fuoco e lasciate cuocere mescolando di tanto in tanto ed aggiungendo brodo se si dovesse asciugare troppo. A cottura ultimata spegnete il fuoco, mantecate con la noce di burro e qualche cucchiaio di parmigiano, regolate di sale e di pepe e lasciate riposare un minuto prima di servire.

Buon risotto radicchio e salsiccia!

Risotto radicchio e salsiccia
Read more

Spaghetti con uova di lompo

Come vi avevo già detto, dalle mie parti la sera della vigilia di Natale si mangia rigorosamente pesce, e di solito come primo piatto non possono mancare gli spaghetti con uova di lompo. Se pensate che queste minuscole sfere si abbinino esclusivamente alle tartine resterete piacevolmente colpiti dal risultato. Una preparazione semplicissima, con pochissimi ingredienti (tutto molto -issimo insomma). Il limone dona una freschezza unica e se non vi va di passare una vigilia sobria, potete sempre sostituire le uova di lompo col caviale. Ecco non fatemi sapere quanto spenderete perchè potrei avere un attacco di cuore, ma il risultato sarà sicuramente eccellente.

Non ho molto altro da dire sugli spaghetti con uova di lompo, se non che io faccio sempre il bis, per cui ve li consiglio vivamente. Entrano senza ombra di dubbio nella categoria “minimo sforzo, massimo risultato”.

Spaghetti con uova di lompo
Ingredienti per 4 persone:
  • 400 gr di spaghetti
  • 100 gr di uova di lompo
  • 1 spicchio d’aglio
  • il succo di 1/2 limone
  • prezzemolo
  • olio evo
Preparazione

Mettete gli spaghetti a cuocere in una pentola con abbondante acqua bollente salata. Quando saranno quasi pronti fate rosolare per qualche minuto lo spicchio d’aglio spellato in una padella con un filo d’olio. Scolate la pasta e versatela nella padella dopo aver eliminato l’aglio. Aggiungete il succo di limone, le uova di lompo ed abbondante prezzemolo, quindi mescolate bene. Servite subito. Mi viene difficile immaginare una preparazione più semplice di questa.

Buona freschezza!

Spaghetti con uova di lompo
Read more

Cannelloni con salsiccia e carciofi

Ogni regione, città e soprattutto ogni famiglia, ha le proprie tradizioni per quanto riguarda il pranzo di Natale. A casa mia non sono mai mancati i tortellini, in brodo o con la panna (eresia lo so, ma a me piacciono solo così). Quest’anno però sarà un Natale molto diverso rispetto al solito, per cui quale migliore occasione per cambiare menù? Natale diverso, pranzo diverso! Sto anche maturando la decisione di mantenere un piatto da riproporre ogni anno, come tradizione, ma cambiare ogni volta tutte le altre portate. Vi assicuro che è una scelta molto dura perchè sono un tantinello attaccata alle abitudini, ma è giusto variare un po’. E proprio per variare, potete proporre i cannelloni con salsiccia e carciofi! Un primo ricco, soprattutto di besciamella, ma anche di sapore. La preparazione è semplice, ma devo spendere qualche riga per le dosi. Se seguirete quello che ho scritto avrete mezzzo litro di besciamella, che per chi come me farebbe il bagno in questa salsa va benissimo, ma è oggettivamente un po’ abbondante. Vi consiglio magari di non utilizzarla tutta, ma 300/350 gr. Se non amate i carciofi potete sostituirli con la verdura che più amate: broccoli, cavolfiore o anche zucca ci staranno benissimo. Mi sembra di aver divagato abbastanza per cui ecco a voi la ricetta dei cannelloni con salsiccia e carciofi.

Cannelloni con salsiccia e carciofi
Ingredienti per 2 persone:
  • 4 rettangoli di pasta per lasagne pronti
  • 1/2 litro di latte
  • 40 gr di burro
  • 50 gr di farina 00
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 200 gr di salsiccia
  • 200 gr di ricotta
  • 3 cuori di carciofo (io ho utilizzato quelli surgelati)
  • 1 scalogno
  • vino bianco
  • parmigiano grattugiato
  • olio evo
  • sale
  • pepe
Preparazione

Iniziate preparando la besciamella: fate sciogliere in un pentolino il burro insieme alla farina e mescolate con una frusta per evitare che si formino grumi. Quando il colore sarà bello dorato versate tutto il latte freddo, aggiungete mezzo cucchiaino di sale ed una spolverata di noce moscata e non smettete mai di mescolare. Cucinate finchè la salsa si addenserà ed avrà iniziato a bollire. Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

Cucinate i cuori di carciofo in un pentolino con poca acqua bollente per una decina di minuti. Questo vale per i carciofi surgelati, se li utilizzate freschi cucinateli finchè saranno belli morbidi. Quando saranno cotti frullateli insieme alla ricotta.

Soffriggete in una padella con pochissimo olio lo scalogno pulito e tritato finemente, aggiungete la salsiccia a cui avrete tolto il budello e rompetela bene col mestolo. Lasciate dorare, poi sfumate con un po’ di vino bianco e fate evaporare. Abbassate il fuoco e terminate la cottura per 3-4 minuti. Spegnete il fuoco, lasciate intiepidire, poi unite la salsiccia alla crema di carciofi e ricotta, salate ed amalgamate bene.

Imburrate leggermente una pirofila. Farcite ogni rettangolo di pasta per lasagne con un po’ di composto di salsiccia e carciofi, create i cannelloni, quindi disponeteli uno vicino all’altro nella pirofila. Coprite tutto con la besciamella e con abbondante parmigiano grattugiato.

Cucinate in forno statico preriscaldato a 180 gradi per 20 minuti, azionate poi il grill fino a che saranno ben dorati. Servite caldi.

Buona besciamella!

Cannelloni con salsiccia e carciofi
Read more

Lasagne con bresaola e fontina

Le lasagne sono un piatto furbissimo, le potete preparare con largo anticipo, congelarle e tirarle fuori dal freezer al momento del bisogno. Questo si rivela particolarmente utile se si ha gente a tavola, soprattutto se si prevede un pranzo con numerose portate. Ok, quest’anno le tavolate saranno decisamente solitarie, ma anche se in pochi, si possono comunque preparare parecchie cose, per cui se si può risparmiare tempo ben venga. Le lasagne con bresaola e fontina hanno una preparazione molto semplice, soprattutto se come me utilizzate la pasta fresca già pronta. Ovviamente se decidete di farla in casa la faccenda si farà più laboriosa, ma avrete tutta la mia ammirazione. Se invece volete rendere il tutto ancora più facile potete usare la besciamella già pronta, in questo caso la preparazione diventa adatta praticamente anche ai bambini. Al posto della fontina potete utilizzare montasio, oppure casera, insomma il formaggio che preferite. Con le dosi indicate mi sono venuti 4 stati strati, ma dipende tutto dalla dimensione della teglia che utilizzate.

Lasagne con bresaola e fontina
Ingredienti:
  • pastra fresca per lasagne
  • 1 litro di latte
  • 100 gr di farina 00
  • 80 gr di burro + un po’ per imburrare la pirofila
  • noce moscata
  • 150 gr di bresaola
  • 300 gr di fontina
  • pane grattugiato
  • sale
Preparazione

Per preparare le lasagne con bresaola e fontina partite dalla besciamella (se la fate in casa). Fate sciogliere in un pentolino il burro insieme alla farina e mescolate con una frusta per evitare che si formino grumi. Quando il colore sarà bello dorato versate tutto il latte freddo, aggiungete un cucchiaino di sale ed una spolverata di noce moscata e non smettete mai di mescolare. Cucinate finchè la salsa si addenserà ed avrà iniziato a bollire. Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

Tagliate la bresaola a striscioline ed il formaggio a cubetti.

Imburrate una teglia ed iniziate con uno strato di pasta, ricoprite con la besciamella, il formaggio e la bresaola, quindi ricominciate con la pasta. Andate avanti così fino all’esaurimento degli ingredienti ed infine spolverate con pangrattato.

Cucinate in forno statico preriscaldato a 180 gradi per mezz’ora, accendendo il grill per gli ultimi 5 minuti. Servite calde.

Buone Natale furbo!

Lasagne con bresaola e fontina
Lasagne con bresaola e fontina
Read more

Spaghetti con salsa alle noci

Cosa mangiano a Natale i vegani? No perchè, mentre io mi strafogo di proteine animali sotto forma di tortellini/tacchinoripieno/zampone, loro che piatti preparano per festeggiare? Poi magari voi siete tutti vegani e state per mandarmi una lettera minatoria per la stupidità delle mie affermazioni, probabilmente fareste bene. Resta il fatto che nella mia testa arretrata si susseguono immagini di tavole imbandite con sopra creme di verdure e tofu, ed il mio amore per il Natale non mi permette di lasciare che si festeggi così. Con dell’insalata. Da qui l’idea di pensare a qualche piatto vegano e/o vegetariano molto saporito, che piaccia anche a noi amanti della carne e che permetta di rispettare le festività in modo consono. Sono fissata, lo so. Ecco a voi quindi gli spaghetti con salsa alle noci.

Stiamo parlando di un piatto con pochissimi ingredienti ma con un gran sapore. Si prepara in 10 minuti, per cui rientra anche nella categoria delle ricette che vi permettono di non perdere la giornata in cucina. Se volete ottimizzare ancora di più i tempi potete prepare la salsa anche il giorno prima ed allungarla con un mestolo di acqua di cottura della pasta al momento di servirla.

In sintesi, gli spaghetti con salsa alle noci sono: facili e veloci da prepare, vegani, sanissimi e super gustosi. C’è bisogno di aggiungere altro? La ricetta in effetti.

Spaghetti con salsa alle noci
Ingredienti per 4 persone:
  • 400 gr di spaghetti
  • 200 gr di latte vegetale (vaccino per la versione non vegana)
  • 140 gr di gherigli di noce
  • 100 gr di mollica di pane
  • 18 gr di salvia
  • sale
  • pepe
Preparazione

Ammollate la mollica nel latte, quindi frullatela insieme ai gherigli di noce, la salvia ed un mestolo d’acqua. Salate e pepate.

Cucinate gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata, scolateli e conditeli con la salsa (se dovesse risultare troppo densa allungatela prima con un po’ di acqua di cottura della pasta). Se non siete vegani spolverizzate con parmigiano grattugiato, ma anche senza il risultato è da leccarsi i baffi. Servite subito.

Buoni festeggiamenti vegani!

Spaghetti con salsa alle noci
Spaghetti con salsa alle noci
Read more

Spaghetti con alici e tonno

Signori e signore ci siamo, con questi spaghetti con alici e tonno inauguro ufficialmente il periodo delle ricette natalizie, per cui se non amate il Natale potete tranquillamente chiudere il pc e dedicarvi ad altre attività sicuramente più tristi. Inoltre dovreste anche interrogare voi stessi su quali siano i motivi per cui non amiate la regina delle feste, una cosa a mio parere incomprensibile e degna dell’approfondimento di uno specialista.

Dato che quest’anno il Natale sarà tra pochi intimi ho deciso di concentrarmi su ricette non troppo elaborate (che bella scusa eh?) e soprattutto economiche. La situazione purtroppo non è delle migliori, ma possiamo comunque festeggiare senza rinunciare a piatti gustosi. In quest’ottica vi propongo gli spaghetti con alici e tonno: un primo piatto perfetto per essere servito la sera della vigilia, in linea con la tradizione che vuole che non si consumi carne. Non stiamo parlando proprio di una ricetta light in quanto la cremosità è data da sua maestà il mascarpone, ma se volete lo potete tranquillamente sostituire con del formaggio spalmabile. Tutti gli ingredienti sono di uso comune e si trovano nelle dispense della maggior parte delle case italiane, per cui gli spaghetti con alici e tonno rientrano a pieno titolo nella categoria dei piatti natalizi low cost.

Spaghetti con alici e tonno
Iingredienti per 2 persone:
  • 200 gr di spaghetti
  • 100 gr di mascarpone
  • 80 gr di tonno sott’olio sgocciolato
  • 50 gr di latte
  • 25 gr di burro
  • 4 filetti di alici sott’olio
  • erba cipollina
  • sale
Preparazione

Fate sciogliere in un tegamino il burro insieme ai filetti di alici, mescolate bene, poi agiungete il latte. Fate bollire per 3-4 minuti, fino ad ottenere una crema. Spegnete il fuoco.

Mettete in una ciotola il tonno insieme al mascarpone ed amalgamate bene. Aggiungete il composto ottenuto alla crema di alici ancora calda, quindi mescolate per amalagamare. Se dovesse risultare troppo compatto aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta.

Cucinate gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata, scolateli e conditeli con la salsa di alici e tonno. Profumate con un po’ di erba cipollina tritata e servite.

Buona vigilia low cost!

Spaghetti con alici e tonno
Read more